Preconcordato e scioglimento dai contratti pendenti

Tribunale di Vicenza, sez. fallimentare, decreto 20 giugno 2018. Est. Luca Emanuele Ricci

La norma di cui all’art. 169-bis della Legge Fallimentare è applicabile al c.d. “preconcordato” solo nella parte in cui prevede la sospensione dei rapporti giuridici pendenti, non anche nella parte in cui ne prevede lo scioglimento.

Questo è il principio di diritto che può ricavarsi dalla pronuncia che si segnala, la quale, nel valorizzare la natura provvisoria e necessariamente “transeunte” della fase pre-concordataria – che infatti non esclude un ritorno in attività del ricorrente senza alcun accesso ad una procedura concorsuale – ne afferma l’incompatibilità con l’effetto immediatamente definitivo ed irreversibile che si produrrebbe autorizzando lo scioglimento dai rapporti contrattuali in essere.

La decisione si colloca nel solco di una precedente decisione del Tribunale di Vicenza (decreto 25/06/2013, est. Giuseppe Limitone, su Ilcaso.it), ed assieme ad essa concorre a formare il (prevalente) orientamento giurisprudenziale esistente sul punto.

Avv. Davide Gozzi